giovedì 3 dicembre 2015

 


Da Daniele su facebook:

Per non smentirci; lunedì 7 dicembre ore 21 e 10 (ma in verità un po' quanno je pare)
I Misteri Di Laura, 8^ e ultima puntata... Coraggio...

Daniele Pecci con "Amleto" al Teatro “Il Piccolo” di Castiglione nell’unica data in Calabria, il 17 dicembre alle 21,00


 



 Unica tappa in Calabria, quella del 17 dicembre prossimo, per lo spettacolo teatrale L’Amleto, che vede come protagonista l’attore Daniele Pecci, in onda ogni lunedì su Canale 5 nella fiction “I misteri di Laura”, dove interpreta un giovane ispettore di polizia.

See more at:

http://www.cosenzapost.it/daniele-pecci-con-l-amleto-al-teatro-il-piccolo-di-castiglione-nell-unica-data-in-calabria-il-17-dicembre-alle-21-021215/
 

sabato 21 novembre 2015

"I misteri di Laura" - Lunedì 23 alle 21,10 su Canale 5


Da Daniele su facebook:

A rega', ma che ve devo di', questi l'hanno rispostata... Ma che ce voleva a falla direttamente de mercoledì, una volta che era finita la serie sulla mafia? Invece no, ce ne hanno messa una straniera....boh!! Comunque annamo de lunedì, er 23...(e sapete come se dice a Roma???)

lunedì 16 novembre 2015

Da Daniele su facebook


















 
E quindi, dopo una serie de casini, Martedì 17 annamo in onda sempre su canale 5. Er gioco dee 3 carte... Vabbè..

sabato 7 novembre 2015

Le prossime tappe della tournée teatrale di "Amleto" - Domani il debutto a San Severino Marche

- San Severino Marche (MC) - Teatro Feronia, 8 novembre 2015  
- Alessandria - Teatro Alessandrino, 12 novembre 2015
- Varese - Teatro di Varese, 13 novembre 2015
- Lodi - Teatro alle Vigne, 14 novembre 2015
- Montegiorgio (FM) - Teatro Alaleona, 18 dicembre 2015
- Monsummano Terme (PT) - Teatro Yves Montand, 19 dicembre 2015
- Colleferro (RM) - Teatro Vittorio Veneto, 20 dicembre 2015

 

Da Daniele su facebook - Lunedì 9 e martedì 10 su Canale 5 doppio appuntamento con "I misteri di Laura"


"Lunedì 9 e martedì 10. I misteri di Laura. Doppio appuntamento. E si quarquno s'è perso l'ultima, se la pó rivedé domani (sab 7) all'1 e 30, doppo er tg5...aó, io v'ho detto.."

lunedì 29 giugno 2015

Daniele Pecci: tra teatro e tv

 
 
Sta portando i classici sul palco, ma prossimamente lo vedremo nei panni di un agente su Canale 5 .

Impegnato con il suo primo amore, il teatro, nei due spettacoli «Amleto» e «Medea», Daniele Pecci ha ripercorso su Repubblica i suoi primi passi nella recitazione:
 
«Ho fatto un corso quando ero alle scuole superiori , fui un po' spinto da una mia professoressa di latino e lì, insomma, non dico che capii che la cosa poteva esser buona per me ma mi piacque molto fin da subito».

PUBBLICITÀ
Quando recita, Daniele si concentra «sul rapporto che c'è fra gli attori e il movimento sulla scena. Leggo il testo a fondo, sembrerà stupido da dire ma la mia attenzione è tutta sul testo, pur mantenendo allo stesso tempo uno sguardo vicino e lontano sull'intera opera, come se ci fosse una lente per osservare bene da vicino le pieghe della battuta, tutto ciò che c'è intorno a quell'opera, a partire dalla contestualizzazione col periodo storico».
 
Pur avendo preso le mosse dal teatro, Daniele si è fatto conoscere al grande pubblico grazie a progetti televisivi (da Il bello delle donne a Orgoglio a L’ultimo padrino): «Fra il lavoro in tv o quel poco che ho fatto al cinema, il grande pubblico si è affezionato a me, è numeroso e sono contento perché mi segue anche a teatro – ha riflettuto -. Non soltanto la gente che regolarmente lo frequentava ma anche tante persone che non c'erano mai andate e non avevano intenzione di andarci. Avere in un certo senso il piccolo merito di aver portato qualcuno, fossero anche pochissime persone, a teatro è una cosa di cui vado fiero».
 
Nel suo futuro, però, il piccolo schermo ci sarà ancora: «Ho in cantiere la fiction I misteri di Laura, la regia è di Alberto Ferrari, interpreto un agente che viene dalla squadra antifurti di Palermo, con dei modi quasi da macchietta, e si ritrova a Torino in un ambiente a lui estraneo, sofisticato. Mi ha divertito, parla in romanesco, ha i capelli lunghi, un aspetto trasandato. Dovrebbe andare in onda su Canale 5 all'inizio del 2016».

http://www.bluewin.ch/it/spettacolo/people/2015/6/26/daniele-pecci--tra-teatro-e-tv.html
 

giovedì 11 giugno 2015


Medea di Euripide

19 e 20 giugno – ore 21.15 – Fiesole, Teatro Romano (Fondazione Teatro della Toscana e Teatro Stabile Napoli)

Biglietti:
Posto unico. Intero Euro 24,00 / Ridotto Euro 20,00 (under 26, over 60, abbonati Teatro della Pergola) e 16€ (soci Unicoop Firenze valido solo per la data del 20 giugno) | acquista prevendita

traduzione Maria Grazia Ciani; adattamento Gabriele Lavia

personaggi, interpreti
Medea, Federica Di Martino; Giasone, Daniele Pecci ; Creonte, Umberto Ceriani ; Nutrice, Angiola Baggi; Pedagogo, Pietro Biondi; Messaggero, Gabriele Anagni; Figli di Medea, Sofia De Angelis, Camilla Giardini; Coro, Silvia Biancalana, Maria Laura Caselli, Claudia Crisafio, Flaminia Cuzzoli, Giulia Gallone, Silvia Maino, Diletta Masetti, Katia Mirabella, Sara Missaglia, Francesca Muoio, Marta Pizzigallo, Malvina Ruggiano, Anna Scola, Lorenza Sorino.

regia Gabriele Lavia

scenografia Alessandro Camera; costumi Emanuele Zero; musiche Giordano Corapi; luci Michelangelo Vitullo

Durata: 1h e 20’ circa, atto unico

Prima nazionale
Venerdì 19 e sabato 20 giugno una grande prima nazionale al Teatro Romano di Fiesole: Medea con la regia di Gabriele Lavia. Lo sforzo congiunto della Fondazione Teatro della Toscana e del Teatro Stabile Napoli illumina lestate teatrale con un lavoro che scava nellanimo umano e nei grandi interrogativi della vita. Federica Di Martino è Medea, Daniele Pecci è Giasone. Lo spettacolo della diversità e dellistinto attraversato da visioni tragiche e folgoranti.


Medea è uno dei personaggi più celebri del mondo classico, per forza drammatica, complessità ed espressività. Euripide la mette in scena nel 431 a.C. e per la prima volta nel teatro greco (almeno quello che è arrivato sino a noi) protagonista di una tragedia è la passione, violenta e feroce, di una donna. Forte, perché padrona della sua vita, tanto da distruggere tutto quello che la lega al suo passato. Una donna diversa, una barbara in una città che la respinge. Gabriele Lavia legge oggi nel capolavoro euripideo il viaggio verso un personaggio sradicato in un paese straniero. “Medea è una donna tradita”, spiega il regista, “è una donna che viene da lontano. È ‘figlia del Sole’, non perché partorita dal dio Sole, ma perché viene dal mondo in cui il Sole sorge. Viene dal Caucaso, dall’Oriente, è un’altra cultura. È quel mondo che parla il ‘barbar’, cioè balbetta la lingua greca, da cui ‘barbaroi’, ‘barbari’. Giasone sposa Medea: è come se un signore di Stoccolma sposasse la figlia del re di una tribù dell’Amazzonia, che però ha delle conoscenze che a noi sfuggono.”

La scena si svolge a Corinto, dove Medea vive con Giasone e i loro due figli. La donna ha aiutato il marito nell’impresa del Vello d’oro e abbandonato il padre Eeta, re della Colchide e fratello di Circe. Dopo dieci anni, però, Creonte, re della città, vuole offrire sua figlia Glauce in sposa a Giasone, dandogli così la possibilità di successione al trono. Giasone accetta e abbandona Medea. Federica Di Martino, reduce dal successo al Piccolo Teatro di Milano di Divine parole, regia di Damiano Michieletto, interpreta Medea, mentre Daniele Pecci, attore di cinema e televisione, apprezzato Edipo nel 2013 al Teatro greco di Siracusa, è Giasone. Umberto Ceriani è Creonte, Angiola Baggi la Nutrice, Pietro Biondi il Pedagogo, Gabriele Anagni il Messaggero. Il coro è formato da quattordici giovani attrici. Figure di importanza fondamentale per la trama, quali i figli della coppia, interpretati da Sofia De Angelis e Camilla Giardini, sono continuamente presenti (tanto nei discorsi dei personaggi quanto sulla scena), senza però mai esprimersi direttamente. Euripide intende avvolgerli in un’atmosfera drammatica, come per mostrare al pubblico il terribile destino cui vanno incontro.

Medea è un testo, come si dice, antico”, prosegue Lavia, “antico non vuole dire morto, passato. Al contrario, più è antico e più è vicino a una origine. L’origine di qualcosa è la sua essenza. Medea, dunque, è più vicina all’essenza del teatro di qualunque testo più recente o, addirittura, attuale.” Malgrado la disperazione, vista l’indifferenza di Giasone, la donna medita una tremenda vendetta. Fingendosi rassegnata, manda in dono un mantello alla giovane Glauce, la quale, non sapendo che in realtà è pieno di veleno, lo indossa per poi morirne fra dolori strazianti. Il padre Creonte, corso in aiuto, tocca anch’egli il mantello, e muore. Ma la vendetta di Medea non finisce qui: per assicurarsi che Giasone non abbia discendenza, uccide i figli avuti con lui condannandolo all’infelicità perpetua. La tragedia ha una spiccata presenza umana, lasciando da parte gli dèi, i quali sembrano assistere muti a queste tragiche vicende. Giasone, infatti, li accusa di non aver impedito la triste sorte dei suoi figli, ma non riceve alcuna risposta, mentre Medea riuscirà a sposare Egeo e a tornare, da regina, nella sua Colchide. “Medea, che si ripete sempre la ‘stessa’ e mai uguale (poiché cambiano le attrici)”, precisa Lavia, “è ‘contemporanea’ e mette in crisi o denuncia una certa attualità di oggi, svelandone l’inconsistenza o, talora, la falsità. Che cosa è contemporaneo nell’antichissimo? Proprio il fatto che qualcuno lo ‘ripeta’. E per ripetere bisogna apprendere”. Medea contiene, dentro di sé, quasi due figure contrastanti: una vorrebbe uccidere i figli, l’altra li vorrebbe risparmiare. La sua è una mente scissa, conflittuale, quasi che Euripide conoscesse la moderna psicologia. Giasone, al contrario, è quasi sminuito, tanto da ottenere la fama di seduttore che spingerà Dante a collocarlo nell’Inferno. Sembra che per lui l’amore rappresenti soltanto un mezzo per la conquista di qualcosa, da eroe scade al rango di uomo egoista e meschino, che crede di riuscire a giustificare il proprio operato solo per mezzo della sua capacità oratoria.

L’opera ha quindi molte sfaccettature e svariate interpretazioni: per Gabriele Lavia rappresenta l’affermazione della dignità della donna, concetto che stava prendendo forma nell’Atene dell’epoca. Medea è vittima della ‘paura dell’estraneo’, straniera in terra straniera viene vista come un pericolo e, per vendetta, alla fine lo diventa.

http://5.249.144.177/index.php/events/medea-2/

giovedì 28 maggio 2015

Daniele al Teatro Romano di Fiesole (FI) - 19 e 20 giugno 2015 - la "Medea" di Euripide


Da Daniele su facebook:

In attesa di riprendere l'Amleto in estiva e anche in autunno ( pubblicherò le date quanto prima) vi butto lì la Medea di Euripide, il 19 e 20 giugno al Teatro Romano di Fiesole FI, ( vedi foto) regia G. Lavia.

martedì 21 aprile 2015

"AMLETO" CHIUDE LA STAGIONE TEATRALE AQUILANA

Un classico del Teatro ed uno degli attori più amati per la chiusura della Stagione Teatrale Aquilana 2014/2015 organizzata dal Teatro Stabile d'Abruzzo: va in scena giovedì 23 aprile ore 21,00 e venerdì 24 aprile ore 17,30 presso il Ridotto del Teatro Comunale AMLETO di William Shakespeare, regia di Filippo Gili, con Daniele Pecci, già protagonista di successo di "Scene da un Matrimonio" di Ingmar Bergman per la regia di Alessandro D'Alatri e la produzione del TSA.
"Amleto - per Daniele Pecci - è l'uomo moderno per eccellenza: finché rimarremo tra essere e non essere, rinunciare e affrontare, vivere e morire, lo sentiremo sempre vicino. E' il più grande personaggio mai creato per il teatro e quello che ho sognato tutta la vita di interpretare. Dal 1601 l'hanno messo in scena tutti i primi attori dei massimi teatri del mondo. Se ci pensassi, resterei immobilizzato.
Intanto, la traduzione è agile e moderna, asciutta. Ma l'aspetto più interessante è l'allestimento, con il teatro aperto e una commistione completa tra palco e platea. Non c'è scenografia, non ci sono quinte, niente fondali, ci sono cordami a vista e gli ambienti si spostano. Reciteremo per più di metà del tempo in mezzo al pubblico, come in un teatro elisabettiano. Tutta la sala sarà il castello di Elsinore. Con Filippo Gili, il regista, abbiamo scelto di approfondire i rapporti familiari di Amleto con la madre e lo zio... Abbiamo voluto sottolineare la dimensione psichica alterata di Amleto, quanto sia schiacciato dai parenti".
"E' un progetto - racconta il regista Filippo Gili - che nasce con Daniele Pecci. Quando Daniele mi ha chiesto se volevo curare la regia di un ‘Amleto' con lui protagonista, è stato come ritrovarsi un ombrello sotto la pioggia. Era quello che attendevo. Ed è quello che faremo. Mettere un ombrello sotto le infinite chance di una lettura di un testo infinito. Un ombrello che copra una sola parte di mondo, il palcoscenico della rappresentazione, ma spoglio di letture forzate, unicamente teso al gioco di analizzare perché, all'alba del ‘600, nacque un uomo che vide il mondo uscire dai suoi binari.
Se si fa Amleto, oggi, nel trascendente ritmo biologico di un accavallarsi di scene una dentro l'altra, è perché è infinita la malizia di Polonio, è perché è infinita la cattiva coscienza di Gertrude, è perché è infinita la dannata verginità di Ofelia, è perché è infinita l'intuizione di Claudio: un impero, da Don Chisciotte, passando per il potere dell'atomo, fino ai microchip odierni e per chissà quanto ancora, si può mettere a soqquadro solo con l'ausilio di una goccia di veleno.
Con Amleto che si porta sulle spalle un peso che lo porta ai giorni nostri: quello di un vivere nel mondo, senza ‘esserci'. Spettacolo semplice, spoglio, essenziale. Ferro. E legno. E relazioni. E stupore. E l'impossibilità di essere, modernamente, eroi".
Con Daniele Pecci in scena ben dodici attori: Pier Giorgio Bellocchio, Massimiliano Benvenuto, Silvia Benvenuto, Ermanno De Biagi, Pierpaolo De Mejo, Vincenzo De Michele, Pietro Faiella, Filippo Gili, Arcangelo Iannace, Liliana Massari, Omar Mandrini e Antonio Serrato. Una produzione della Compagnia Stabile del Molise.
Questo spettacolo sostituisce l'annullato"Modigliani" con Marco Bocci. I biglietti già emessi restano validi.
Per ulteriori informazioni: tel. 0862 410956 - 348 5247096. tsa@teatrostabile.abruzzo.it

http://www.teatrostabile.abruzzo.it/index.php?section=questo-teatro&id=612

http://www.abruzzoweb.it/contenuti/teatro-allaquila-in-scena-lamleto-di-william-shakespeare/568019-7/

martedì 7 aprile 2015

'Amleto' con Daniele Pecci, regia di Filippo Gili - Al teatro "Savoia" di Campobasso




Intervista a Daniele Pecci: in teatro è (o non è) Amleto - (Marie Claire)


Daniele Pecci come Amleto non è poi così vecchio. Dal 21 marzo è in teatro con l'opera di Shakespeare diretto da Filippo Gili, affiancato da 13 attori e libero da scenografie. In attesa di rivederlo in tv a ottobre nella fiction I misteri di Laura, ci rivela la sua passione (artistica) per Tea Falco e il suo rifiuto per il web (ma non per Facebook).

Sul link qui sotto l'intera intervista:

http://www.marieclaire.it/Attualita/interviste/intervista-daniele-pecci-teatro-amleto

giovedì 19 marzo 2015

Daniele Pecci: "Il mio Amleto punta dritto al sodo, al puro, al vero!"


Debutterà al Teatro Lea Padovani di Montalto di Castro sabato 21 marzo e promette di essere uno spettacolo “vero e puro, puntando sulla semplicità della recitazione”. E’ l’Amleto di William Shakespeare proposto da Daniele Pecci con la regia di Filippo Gili. “E’ un pezzo che studio e che sogno di interpretare da più di 25 anni, praticamente da quando ho iniziato a fare l’attore. Ed ho iniziato a recitare quasi come folgorazione dopo la lettura di questo testo”. Il 26 marzo sarà la volta di Campobasso per poi toccare L’Aquila e probabilmente Roseto degli Abruzzi. “Per adesso finiamo qui, visto che la stagione degli spettacoli giunge al termine. Abbiamo voluto testarlo e proporlo subito affinché fosse pronto l’anno prossimo per città come Roma e Milano, sperando che qualcuno si faccia avanti e si incuriosisca”.


Sul link qui sotto l'intera intervista:
http://www.rbcasting.com/interviste/2015/03/18/daniele-pecci-il-mio-amleto-punta-dritto-al-sodo-al-puro-al-vero/#sthash.nD4G3fot.cj0xKAll.dpbs